le storie

La più longeva in Europa, la tabella cromatica del Merkel-look

La più longeva in Europa, la tabella Pantone del Merkel-look

 

Chi si ricorda l’ascesa di Angela Merkel e i suoi primi anni, quelli più indecisi, quelli in cui dopo le conferenze stampa dell’inizio carriera il suo portamento veniva descritto, con non poca cattiveria (dal cabaret Die Distel ,”Il Cardo”, di Berlino), come il “look da mugnaia“, a causa dell’ampio gonfiore delle sue gonne e per le sue camicie comprate in catene di centri commerciali, chi si ricorda l’arco di quel percorso apprezzerà lo sforzo di una designer grafica olandese che ha dedicato un sito, con non poca ironia, che ha dedicato un sito, con non poca ironia, allo stato d’incertezza del continente, “Lo spettacolo della tragedia“, e alla continuità che Merkel ha sempre più voluto rappresentare nel quadro europeo..

 

 

Comunque sappiamo che Angela è stata sempre più sulla breccia del potere, ha abbandonato il dirndl e ha riempito il suo armadio di giacche di Escada dai colori vivaci, dei quali abbiamo la quasi certezza che non vendano al fuori dalla Germania, considerando quante sfumature di senape e cremisi erano incluse. Dal 2005 la Merkel si è rivolta a Bettina Schoenbach per abiti dalle linee più sobrie e tonalità scure che le stanno meglio.

 

La figura di cera del Cancelliere tedesco Angela Merkel vestita in un dirndl       (abito tradizionale alpino) che Madame Tussaud di Berlino ha esposto nel luglio 2010. Foto: R. Schlesinger

 

Una redattrice dell’Economist racconta di quando la cancelliera, parlando di Theresa May, “mi chiese malincolicamente in un incontro alla fine dello scorso anno, ‘Che cosa vuole veramente? Continuo a chiedermi … ‘ C’è della sottigliezza e un posizionamento negoziale già nel nodo in cui pone la domanda – mantenere l’altra con cui stai trattando come una richiedente piuttosto che una pari, al contempo ponendosi come quella ragionevole e interessata.”

 

 

Herlinde Koelbl fotografa la Merkel dal 1991. Koelbl dice che la Merkel è sempre stata - un po "imbarazzata, - ma - potevi sentire la sua forza già all'inizio."

 

Una donna che col passare del tempo ha consapevolmente voluto rappresentare il potere più come moral suasion che come autorità. Questa coerenza di Merkel, o continuità strategica,  ha dato i suoi frutti, così come il suo attaccamento stolido allo stesso tipo di guardaroba, con piccole variazioni che forniscono solo quel giusto accenno d’interesse e quella punta di colore, in modo tale da non essere proprio noiose, ma senza mai una distrazione dal lavoro, come altre sue colleghe.

 

 

Anche se la moda non le viene naturale come l’economia, la Merkel ha trovato la sua formula, divisa, costume, e da lì non si sposta. Il suo look esclusivo comprende blazer a tre bottoni in una vasta gamma di colori. La designer grafica olandese Noortje van Eekelen ha persino creato un tabella Pantone del Merkel-look per il suo sito Web, The Spectacle of Tragedy. Dal nero al beige fino a un viola molto di tendenza, raggiunge ben 90 sfumature. Quasi una per ogni situazione in cui potrebbe trovarsi la donna, malgrado tutto, ancora lei (Cancelliera 2005 –       ), più potente d’Europa.

 

 

 

The Spectacle of Tragedy

 

 

1 lettore ha messo "mi piace"
Print Friendly, PDF & Email
Share:

Leave a reply

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux