attualitàla societàle scienzele storie

Una guida ottimista per il futuro: l’economista e l’ingegno umano che salverà il mondo

guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro

La storia della civiltà di Oded Galor prevede un lieto fine per l’umanità. Una recensione del suo libro chiede: possiamo fidarci di lui?

guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro

di David Shariatmadari
(The Guardian)
Traduzione Redazione Modus

guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro

Perché il mondo anglosassone è così individualista e perché la Cina si è orientata verso il collettivismo? Forse a causa di Adam Smith, o la Carta dei Diritti; il comunismo e Mao? Secondo almeno un economista, potrebbe esserci una spiegazione del tutto più sorprendente: la differenza tra grano e riso. Vedete, è abbastanza semplice per un agricoltore solitario seminare del grano nel terreno e vivere del raccolto. Il riso è un affare diverso: richiede un’estesa irrigazione, il che significa cooperazione tra appezzamenti di terreno, persino pianificazione centralizzata. Un luogo dove cresce il grano favorisce l’imprenditore; un luogo dove cresce il riso favorisce il burocrate.

L’influenza delle “condizioni iniziali” che modellano lo sviluppo delle società è ciò a cui Oded Galor si è interessato negli ultimi 40 anni. Crede che risuonino attraverso i millenni e penetrino persino in quelle che potremmo pensare come le nostre personalità. Indipendentemente dal fatto che tu abbia o meno una “mentalità orientata al futuro” – in altre parole, quanti soldi risparmi e quanto è probabile che investa nella tua istruzione – lo sviluppo può, sostiene, essere in parte ricondotto a quali tipi di colture sono cresciute bene nelle tue patrie ancestrali. (Laddove prosperano specie ad alto rendimento come l’orzo e il riso, vale la pena sacrificare i guadagni immediati della caccia cedendo parte del tuo territorio all’agricoltura. Ciò favorisce una prospettiva a lungo termine.) Le differenze nell’uguaglianza di genere nel mondo hanno le loro radici nel fatto se la terra in questione richiedesse un aratro da coltivare – che necessitava della forza maschile e relegando le donne alle faccende domestiche – oppure zappe e rastrelli, che invece potrebbero essere usati da entrambi i sessi.

 

 

Gli interessi di Galor spaziano e sono molti; il suo libro, Il viaggio dell’umanità, spazia dall’emergere dell’homo sapiens ai giorni nostri e ha molto da dire anche sul futuro. In poco più di 360 pagine copre la nostra migrazione dall’Africa, lo sviluppo dell’agricoltura, la rivoluzione industriale e la fenomenale crescita degli ultimi due secoli. Prende in considerazione il cambiamento della popolazione, la crisi climatica e la disuguaglianza globale.

Ci saranno inevitabili confronti con Sapiens di Yuval Noah Harari, perché anche questo è un lavoro di “macrostoria” e anche Galor è israeliano, sebbene insegni da 30 anni negli Stati Uniti alla Brown University . “Se nasci in un luogo incredibilmente ricco di storia, capisci di far parte di una lunga, lunga stirpe. Vedi il Monte del Tempio che era lì 3000 anni prima. Stai davvero camminando nella storia. Quindi il collegamento con le prime fasi dello sviluppo fa parte della mia educazione a Gerusalemme”. Il successo de Il viaggio dell’umanità è paragonabile, almeno in termini d’impatto, a Sapiens: i diritti di traduzione sono già stati venduti in 27 lingue. Ma le somiglianze possono essere piuttosto superficiali. Sapiens è stato pubblicato per la prima volta quando Harari era un giovane professore, sulla base di una serie di conferenze per studenti universitari. Il viaggio dell’umanità è il culmine della carriera di Galor, la rifusione in forma digeribile di un lavoro precedente, un libro ricco di matematica e dati intitolato Teoria della Crescita Unificata.

guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro

E mentre Sapiens termina con una nota equivoca, avvertendo che la civiltà odierna oscilla tra la singolarità e l’armageddon, il segnale caratteristico de Il viaggio dell’umanità è il suo ottimismo. Se hai bisogno di un antidoto basato sull’evidenza per doomscrolling, eccolo qui. Gli straordinari aumenti degli standard di vita, gli enormi cali della mortalità infantile, gli incredibili guadagni di conoscenza e tecnologia: questi sono i prodotti di forze inesorabili che non vanno da nessuna parte, sostiene Galor, e aumenteranno solo con il passare del tempo. Anche le pandemie e le guerre, per quanto orribili siano per i milioni di persone coinvolte, “non possono deviare il viaggio dell’umanità dal suo percorso a lungo termine”. Sorprendentemente, date le circostanze in cui ci troviamo, il libro è molto persuasivo: Galor costruisce la sua causa meticolosamente, mettendo sempre alla prova le sue ipotesi contro l’evidenza e senza il senso di esser lì a promuovere qualche agenda come altri pensatori booster – i Steven Pinker o Francis Fukuyama di questo mondo.

Ciò che lo distingue, forse, è un radicamento nei numeri. “Sono stato un economista insolito, nel senso che ho sempre avuto un profondo interesse per la matematica dei sistemi dinamici discreti“, mi dice. Esempi di sistemi dinamici discreti includono popolazioni di batteri o esseri umani che si evolvono vincolati da cose come l’approvvigionamento alimentare o la suscettibilità alle malattie. Collegati via Zoom col suo ufficio a Rhode Island, Galor parla in modo uniforme, come se stesse sempre per scoppiare in un mezzo sorriso. Come Pinker, ha una ciocca di capelli argentati che gli sfiora le spalle. “Ero una specie di studente interdisciplinare, molto interessato alla macrostoria, molto interessato alle scienze politiche, molto interessato all’economia e molto interessato alla matematica. Quindi parte della mia capacità di costruire questa teoria unificata della crescita economica sono state quelle profonde basi matematiche.”

 

Risaie a Mu Cang Chai, provincia Yên Bái, Vietnam, (cliccabile)

Qual è la sua teoria, quindi, e come sembra aprire nuovi orizzonti? Gli economisti hanno sempre trovato difficile conciliare due epoche distinte. Durante la prima, qualsiasi aumento delle risorse ha portato solo brevemente a una maggiore prosperità. Più cibo, ad esempio, significava che le persone potevano crescere più bambini. Ma i guadagni andarono persi perché una popolazione più grande significava che tutti avevano una quota minore della torta. Questa è conosciuta come la “trappola malthusiana” dal nome del cupo pastore e demografo Thomas Malthus, ed è durata duecentomila anni.

guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro

Poi, improvvisamente, a partire dal XVIII secolo, tutto è cambiato. In un mondo sempre più tecnologico, essere alfabetizzati e meglio formati era un vero vantaggio. Di conseguenza, i genitori hanno concentrato le proprie risorse sulla crescita di un numero minore di bambini dotati delle competenze di cui avevano bisogno per farcela nel mondo. Stavano investendo nel “capitale umano”, e presto lo ha fatto anche lo Stato: abbastanza rapidamente l’intera popolazione è divenuta molto più istruita. Ciò significava che era più probabile che inventasse cose nuove che rendessero più facile produrre ricchezza, che a sua volta veniva reimmessa in capitale umano: un circolo virtuoso. Il razzo del progresso è decollato.

Si potrebbe presumere che in questi due diversi periodi operassero regole diverse. La teoria “unificata” di Galor li unisce, sostenendo che il motore alla base della crescita è sempre stato lo stesso. “Fondamentalmente ricostruisco il modo in cui il progresso della tecnologia si nutre sia della scala della popolazione che dell’adattamento umano, e di come, a sua volta, l’adattamento umano e la scala della popolazione fanno avanzare la tecnologia“. Questo accade, dice, sin dagli “albori stessi della specie umana”.

Allora perché quell’improvviso cambiamento intorno al 1760? Galor lo paragona a un altro tipo di sistema dinamico: l’acqua che bolle in un bollitore. Il calore dell’innovazione inizia nel momento in cui lo accendi, ma solo a un certo punto verso la fine le bolle rompono violentemente la superficie. L’aumento accumulato della temperatura porta il sistema a un punto di non ritorno. La trappola malthusiana, dice Galor, semplicemente “svanisce“, proprio come l’acqua si trasforma in vapore. Ma a differenza di un bollitore, non c’è l’interruttore di spegnimento, perché il “calore” dell’innovazione tecnologica è un processo che si autoalimenta.

 

École chrétienne à Versailles di Antoinette Asselineau, 1839

Vista in questo modo, la rivoluzione industriale è stata uno sviluppo benigno: con meno fabbriche sataniche di sfruttamento e più altipiani rosei e soleggiati. Ma che dire delle condizioni orribili, dei bassifondi, dei bambini messi a lavorare nelle fabbriche perché le loro piccole mani potevano raggiungere le parti in movimento per rimuovere i detriti? Galor sostiene che l’industrializzazione in realtà ha più o meno sradicato il lavoro minorile e ha avuto il vantaggio aggiuntivo di favorire l’istruzione universale.

A causa delle esigenze di un’economia di sussistenza, il lavoro minorile è stato un “elemento intrinseco delle società umane nel corso della storia“, scrive. Al tempo della rivoluzione industriale, tuttavia, aveva raggiunto un picco che solo un ulteriore cambiamento tecnologico poteva rimediare. Lo ha fatto in due modi: in primo luogo, le macchine sono diventate rapidamente più efficienti a svolgere il tipo di lavoro di base per cui erano stati utilizzati i bambini. In secondo luogo, la necessità di una forza lavoro qualificata significava che era nell’interesse dei datori di lavoro – e dei genitori – che i bambini imparassero piuttosto che lavorassero. Seguì l’istruzione universale, incoraggiata dagli industriali e osteggiata solo dalla nobiltà terriera che si rese conto che se i figli dei fittavoli fossero andati a scuola, sarebbero andati a cercare lavori migliori altrove. In ogni caso, dai dati di Galor emerge che «il flagello del lavoro minorile è scomparso dapprima nei paesi più industrializzati e, al loro interno, nelle aree più industrializzate».

guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro

È un po’ più difficile vedere un altro effetto collaterale dell’industrializzazione attraverso degli occhiali rosei. Un enorme aumento dell’inquinamento ha reso la vita sporca e difficile all’epoca, ma ha lasciato un’eredità ancora più mortale a noi e alle generazioni future: il cambiamento climatico. Galor può davvero essere ottimista anche su questo? “Quindi il mio punto di vista è un po’ complesso“, dice con cautela. “Ciò che ha innescato il cambiamento climatico è, sì, l’inquinamento creato dalla rivoluzione industriale. Allo stesso tempo, quella rivoluzione ha creato altre due tendenze importanti. In primo luogo, ha avviato un declino della fertilità [umana] che inizialmente si è verificato nel mondo occidentale e si è poi gradualmente diffuso in tutto il mondo. Anche l’India ora sta avendo fertilità solo a livello di sostituzione, il che è incredibile. E poi, allo stesso tempo, sappiamo che questo calo della fertilità ha liberato un’enorme quantità di risorse da investire nel capitale umano“.

Con ciò deriva un maggiore potenziale per il progresso tecnologico. “Se la crescita della popolazione inizia a diminuire, questo fatto stesso ridurrà l’attuale tendenza delle emissioni di carbonio. E poi il potere dell’innovazione mi fa essere fiducioso che forse entro due o tre decenni avremo tecnologie rivoluzionarie che invertiranno quelle emissioni. Ora, non possiamo immaginare quali saranno queste tecnologie rivoluzionarie. Ma credo, come abbiamo visto nel contesto del Covid, che tali tecnologie emergeranno e ci permetteranno di prevalere”. Se sembra una scommessa sbalorditiva, Galor non mette tutte le nostre uova in un paniere tecno-utopico. Chiarisce che “le azioni per mitigare le emissioni di carbonio sono ingredienti critici per scongiurare le potenziali conseguenze catastrofiche del cambiamento climatico”. È solo che crede che ci siano altre due armi vitali nel nostro arsenale: il declino della fertilità e l’innovazione, entrambe conseguenze inevitabili della crescita.

Non che raccomandi semplicemente di guardare e sperare; ha anche prescrizioni politiche. Nel caso della crisi climatica, vengono un po’ fuori campo. La politica climatica non dovrebbe fermarsi al taglio del carbonio: dovrebbe comportare una forte pressione per l’uguaglianza di genere, l’accesso all’istruzione e la disponibilità di contraccettivi, per contribuire a portare avanti il ​​calo della fertilità. Una difesa demografica come questa, dice, potrebbe essere accolta meglio dai paesi in via di sviluppo rispetto a un’insistenza sulla regolamentazione dell’industria, poiché “forniscono i benefici della crescita economica insieme alla conservazione dell’ambiente“.

La crescita è buona, quindi, ma nessuno ha bisogno di ricordare che i suoi benefici non sono stati avvertiti allo stesso modo. Spiegare le diverse traiettorie dei paesi dal XVIII secolo occupa ne Il viaggio dell’umanità tanto spazio quanto il meccanismo di crescita stesso. L’idea di base è che quei luoghi che erano un po’ più indietro nella corsa alla rivoluzione industriale si ritrovarono presto abbandonati nella polvere. È qui che le “condizioni iniziali” sono davvero diventate proprie. Quindi, forse la tua terra era stata meno adatta alla coltivazione di raccolti ad alto rendimento. O forse hai vissuto in una parte del mondo assediata da mosche tse-tse che infastidiscono il bestiame. Anche la politica e le istituzioni fecero la loro parte: nel 1485, ad esempio, il sultano ottomano vietò la stampa a caratteri mobili utilizzando la scrittura araba per tutelare gli interessi religiosi, cedendo un vantaggio alle nazioni del nord Europa che accolsero con entusiasmo l’invenzione.

 

Fabbrica Rouge della Ford, Dearborn, Michigan, 1928

Con l’aumentare del progresso, i paesi che hanno iniziato con un vantaggio lo hanno spinto spietatamente, schiavizzando e colonizzando altri e utilizzando le risorse espropriate per potenziare la propria crescita. Una volta iniziata sul serio l’industrializzazione, i colonizzati furono sostanzialmente tenuti in uno stato di arresto dello sviluppo, coltivando per fornire cibo e materie prime ai loro padroni imperiali, le cui economie furono ulteriormente liberate per specializzarsi in tecnologie avanzate.

C’è una parte rimanente del puzzle. Per spiegarlo, Galor inizia con un’analogia colorita. Ci chiede di immaginare una massa di terra che ha cinque diversi colori di pappagallo: blu, giallo, nero, verde e rosso. Un uragano colpisce e alcuni dei pappagalli vengono trasportati su un’isola vicina. È improbabile che ogni tipo di pappagallo sia stato catturato dai venti; forse solo quelli verdi, blu e rossi, rendendo questa popolazione separatista meno diversificata. Col tempo, alcuni di questi pappagalli migrano in un’altra isola, e ancora una volta rappresentano solo un sottoinsieme della popolazione: solo quelli blu e rossi. Questa terza popolazione è ancora meno diversificata.

Galor sostiene che questo è esattamente ciò che è accaduto quando l’homo sapiens ha lasciato l’Africa e lo schema si è ripetuto ad ogni migrazione in avanti. L’Africa è il luogo più diversificato del pianeta, dal punto di vista genomico e culturale, e la diversità ha un effetto a catena sulla prosperità. Rappresenta circa un quarto della variazione altrimenti inspiegabile tra le nazioni, calcola Galor; al contrario, le malattie (mosca tse-tse, malaria, ecc.) rappresentano un settimo e le istituzioni politiche (democrazie contro autocrazie) meno di un decimo. Cosa c’è nella diversità che ha un impatto così grande? La coesione sociale – in altre parole la bassa diversità – può avere i suoi vantaggi, in particolare nelle prime fasi di sviluppo. Ma nel mondo moderno, o nella fase del bollitore bollente, la fluidità culturale è il più grande motore dell’innovazione. “Come l’allevamento biologico, l’accoppiamento delle idee… beneficia di un pool più ampio di individui“, scrive. Quell’unione di idee dà origine a nuove politiche, nuove invenzioni e una maggiore produttività, alimentando il motore della crescita. È anche più probabile che le società culturalmente fluide siano in grado di adattarsi a condizioni mutevoli.

 

Oded Galor. Foto: Peter Goldberg

Galor crede, non indiscutibilmente, che potrebbe esserci un punto debole tra omogeneità e frammentazione, dove la diversità e l’impollinazione incrociata prosperano senza minare la coesione sociale. I paesi possono sedere al di fuori di quel punto in entrambe le direzioni: possono essere monoculturali o litigiosi e inclini a conflitti civili. Nel 2012 è stato sfidato da un gruppo di accademici che ha avvertito che il suggerimento di un “livello ideale di variazione genetica” potrebbe essere utilizzato in modo improprio per “giustificare pratiche indifendibili come la pulizia etnica“. Galor ha risposto che la critica si basava su una “grossolana interpretazione errata” delle sue conclusioni. E le prescrizioni politiche che generano sono, a prima vista, benigne. “Se la Bolivia, che ha una delle popolazioni meno diversificate, promuovesse la diversità culturale, il suo reddito pro capite potrebbe aumentare fino a cinque volte“, scrive. “Se l’Etiopia – uno dei paesi più diversificati del mondo – adottasse politiche per migliorare la coesione sociale e la tolleranza delle differenze, potrebbe raddoppiare il suo attuale reddito pro capite“.

Piuttosto che dire che i geni equivalgono al destino, il messaggio di Galor sembra essere che qualunque siano le circostanze che hai ereditato, il cambiamento è possibile. È un’analisi della condizione umana che non porta il suggerire alla disperazione, ma a un nuovo insieme di strumenti che crede possano aiutare a costruire un futuro migliore. Ma è tutta una pia illusione? Chiedo se il suo carattere innatamente solare significa che dovremmo diffidare delle sue intuizioni. “Penso di avere una visione positiva della mia vita personale. Naturalmente questo deve essere proiettato nel modo in cui io vedo il mondo”.

Ma quando proietto il mio ottimismo“, aggiunge, “lo proietto in base al mio studio della storia”. Galor sostiene che il suo lavoro va oltre l’intuizione, anche oltre la teoria: “Tutto questo è stato esplorato empiricamente, in modo rigoroso“.

È allettante, in particolare in questo momento storico, crogiolarsi nella fiducia di un saggio dai capelli d’argento nei suoi fatti e nelle sue cifre. Forse questo di per sé dovrebbe far tremare le nostre antenne scettiche. Per molti, tuttavia, sarà difficile resistere a una dose di fede nel progresso umano.

guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro guida ottimista per il futuro

 

Il viaggio dell’umanità. Alle origini del benessere e della diseguaglianza è pubblicato da Rizzoli

 

Video – I paesi multiculturali sono più prosperi?

dal Penguin Book Club :

L’economista Oded Galor con noi alla Penguin per rispondere ad alcune grandi domande sulla diversità, l’uguaglianza e il futuro dell’umanità (video in English). Il suo nuovo libro, Il viaggio dell’umanità:”

Ma che razza di gente siamo!

 

6 lettori hanno messo "mi piace"
Print Friendly, PDF & Email
Share:

Leave a reply

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux