le storie

Rileggere Joseph Conrad: era lì all’alba e vide lontano

Rileggere Joseph Conrad:  Rileggere Joseph Conrad:

Rileggere Joseph Conrad

Dalle crisi finanziarie alla minaccia del terrorismo, le opere dell’autore polacco-britannico dimostrano una profonda comprensione di periodi, come il nostro, di cambiamento elementare in un mondo globalizzato

Rileggere Joseph Conrad: era lì all’alba e vide lontano

di Maya Jasanoff
(The Guardian)
Traduzione Redazione Modus

Rileggere Joseph Conrad: Rileggere Joseph Conrad:

Un attentato terroristico a Londra, un incidente marittimo nel sud-est asiatico, disordini politici in una repubblica sudamericana e violenze di massa nell’Africa centrale: ciascuno di questi argomenti ha fatto notizia negli ultimi mesi. Ma queste storie di “notizie” sono in circolazione da oltre un secolo, come trame nei romanzi di Joseph Conrad, uno dei più grandi e controversi scrittori inglesi moderni.

Conrad è noto alla maggior parte dei lettori come autore di Cuore di tenebra, sul viaggio di un capitano di mare britannico su un fiume africano senza nome. E Heart of Darkness è noto a molti come oggetto di una critica accecante da parte del romanziere nigeriano Chinua Achebe, che ha definito Conrad come “un sanguinoso razzista” per il suo degradante ritratto degli africani. È giusto sfidare il razzismo – e, per quello, l’orientalismo, l’antisemitismo e l’androcentrismo – nell’opera di Conrad. Ma i suoi pregiudizi datati, per quanto siano orribili per i lettori di oggi, coesistono nel suo lavoro con elementi di eccezionale chiaroveggenza.

 

Pietà borghesi... Toby Jones nell'adattamento BBC del 2016 de L'Agente Segreto.

Rileggere Joseph Conrad: Rileggere Joseph Conrad:

Oggi, più che mai, Conrad richiede la nostra attenzione per la sua comprensione delle sfide morali di un mondo globalizzato. In un’epoca di terrorismo islamista, è sorprendente notare che lo stesso autore che condannava l’imperialismo in Heart of Darkness (1899) scrisse anche The Secret Agent (1907), che ruota attorno a una cospirazione di terroristi stranieri a Londra. Sulla scia della crisi finanziaria del 2008, è strano leggere Conrad in Nostromo (1904) che interpreta il capitalismo multinazionale come creatore e demolitore di stati. Mentre la rivoluzione digitale raccoglie slancio, si scopre che Conrad scrive in modo commovente, in Lord Jim (1900) e in molte altre opere ambientate sul mare, sulle conseguenze dello sconvolgimento causato  dalla tecnologia. Mentre i dibattiti sull’immigrazione sconvolgono l’Europa e gli Stati Uniti, ci si può meravigliare di nuovo di come Conrad abbia potuto scrivere anche uno solo di questi libri in inglese – la sua terza lingua, che ha imparato solo da adulto.

Conrad nacque Józef Teodor Konrad Korzeniowski nel 1857 da genitori nazionalisti polacchi in quel che era l’impero russo. Raggiunse la maggiore età all’ombra dell’oppressione imperiale; i suoi genitori furono esiliati per attivismo politico. Entrambi ne morirono, lasciando Conrad orfano ad 11 anni. Per il resto della sua vita, portò le cicatrici di un giovane traumatizzato dall’autoritarismo punitivo, così come quello di vittima di quel che considerava un idealismo fatale e inutile.

 

John Malkovich e Iman nell'adattamento cinematografico del 1993 di Heart of Darkness. Il libro è stato criticato per la sua rappresentazione degradante degli africani.

Rileggere Joseph Conrad: Rileggere Joseph Conrad:

Viaggiò in Francia all’età di 16 anni formandosi come marinaio. Per i successivi 20 anni, lavorò come marinaio professionista, navigando nei Caraibi, in Africa, nel sud-est asiatico ed in Australia. Dal ponte di una nave fu testimone della trasformazione d’intensità delle interconnessioni globali. Conrad attraccò accanto a piroscafi oceanici che trasportavano immigrati dall’Europa e dall’Asia su una scala mai vista prima di allora. Incrociò i cavi telegrafici transoceanici che muovevano le notizie, per la prima volta nella storia, più velocemente delle persone. Tra un viaggio e l’altro, fece di Londra  la sua casa, il centro di un mercato finanziario globale che fu più integrato durante la sua vita di quanto non lo sarebbe stato fino ai più recenti anni ’80.

Con sede in Inghilterra dal 1878, Conrad imparò l’inglese da zero, divenne un orgoglioso cittadino inglese naturalizzato e salì la scala della marina mercantile – una storia d’esempio del successo di immigrati. Ma assistette anche all’ascesa della xenofobia e del nativismo. Una serie di attentati e omicidi anarchici nel continente suscitò sospetti sui giovani stranieri – anche se i bombardamenti terroristici avvenuti nel 1880 in Gran Bretagna furono commessi da Feniani.

La paranoia riguardo all’anarchismo, combinata con l’antisemitismo e le paure per gli immigrati che rubavano posti di lavoro britannici, portò alla morte dell’Aliens Act del 1905, la prima restrizione dell’immigrazione in tempo di pace nella storia britannica.

A quel punto, Conrad aveva lasciato il mare ed era diventato un autore pubblicato, oltre che padre e uomo sposato, vivendo nel Kent. Incanalò la sua prospettiva internazionale in un corpus di scritti basato in modo schiacciante sull’esperienza personale e sugli avvenimenti reali. Una mappa della narrativa di Conrad appare sorprendentemente diversa da quella del suo contemporaneo Rudyard Kipling, il poeta informale vincitore dell’impero britannico. Conrad vagava per l’Asia, l’Africa, l’Europa e il Sud America senza ambientare un singolo romanzo in una colonia britannica. Sebbene fosse un fervente patriota britannico – credeva che, tra tutti gli imperi, quello britannico fosse il migliore – Conrad era profondamente consapevole dei limiti del potere britannico. Nostromo predice l’ascesa americana con una chiarezza agghiacciante. Nel romanzo, un magnate minerario di San Francisco dichiara: “Gestiremo gli affari del mondo, che piaccia o no al mondo”.

 

"Sembra quasi che abbia scritto la sua narrativa attraverso un obiettivo zoom puntato sul futuro" ... Joseph Conrad in Inghilterra. Foto: Granger

 

Attraverso i suoi scritti, Conrad ha affrontato le ramificazioni etiche della vita in un mondo globalizzato: gli effetti della dislocazione, la tensione e le opportunità delle società multietniche, lo sconvolgimento provocato dal cambiamento tecnologico. Comprendeva in modo acuto il modo in cui gli individui si muovono all’interno di sistemi più grandi di loro, che persino la volontà più libera può essere limitata da ciò che avrebbe chiamato destino. L’universo morale di Conrad ruotava attorno a una critica della nozione europea di civiltà, che per Conrad generalmente sillabava egoismo e avidità al posto dell’onore e un senso del bene superiore. Deride le sue pietà borghesi in The Secret Agent; in Heart of Darkness, strappa la sua maschera ipocrita. In Lord Jim, offre un ritratto avvincente di una persona imperfetta che inciampa per tracciare un percorso onorevole quando la bussola morale del mondo ha perso i suoi poli.

 

Conrad, un depressivo permanente, eccelleva nell’arte dell’infelice fine. Eppure la questione etica essenziale del suo lavoro: come si fa a fare del bene in un mondo cattivo? – trascende qualsiasi personaggio o trama. I suoi romanzi rappresentano un invito per i lettori a cercare risposte più felici per se stessi.

Rileggere Joseph Conrad: era lì all’alba e vide lontano

Mentre l’impero britannico è scomparso e la rilevanza di Kipling è diminuita, i regni di Conrad luccicano sotto la superficie del nostro presente. I cavi Internet corrono lungo il fondo del mare accanto ai vecchi fili del telegrafo. I personaggi di Conrad sussurrano alle orecchie di nuove generazioni di manifestanti contro l’antiglobalizzazione e campioni del libero commercio, interventisti liberali e terroristi radicali, attivisti della giustizia sociale e nativisti xenofobi. Il 90% del commercio mondiale viaggia via mare, il che rende navi e marinai più importanti che mai per l’economia mondiale.

Conrad ha portato a tutta la sua opera la sensibilità di un “homo duplex“, come una volta si definiva – un uomo dalle identità multiple. Ciò conferisce ai suoi scritti un potere particolare per quelli di noi che cercano di conciliare scale concorrenti di valore e di credenze . Il fatto che Conrad non sia riuscito ad adeguarsi ai nostri standard morali di tolleranza razziale è un umiliante promemoria di come le nostre stesse convinzioni potrebbero essere giudicate carenti in futuro.

È particolarmente toccante leggere Conrad nel contesto di una Gran Bretagna post-Brexit. Uno dei racconti più commoventi di Conrad, “Amy Foster“, descrive il destino di un uomo dell’Europa orientale di nome Yanko, che è naufragato sulle rive del Kent. Nella comunità rurale in cui si ritrova, viene respinto come uno straniero stravagante da tutti tranne Amy, una semplice contadina. Si innamorano, si sposano e hanno un bambino – ma quando Yanko culla suo figlio con una ninna nanna orientale, sua moglie rapisce il bambino. Lui si ammala, scivola nella sua lingua madre e muore di un cuore spezzato. “La sua estraneità aveva un timbro peculiare e indelebile“, scrisse Conrad. “Alla fine le persone si sono abituate a vederlo. Ma non si sono mai abituati a lui. ”

A Lowestoft, dove Conrad sbarcò in Gran Bretagna nel 1878, c’è un pub di fronte alla stazione ferroviaria chiamato Joseph Conrad – che è appropriato, dal momento che Conrad ricorda di aver imparato l’inglese studiando i giornali nei pub di Lowestoft. Sarebbe stato sorpreso di apprendere che i polacchi sono di gran lunga la più grande popolazione straniera in Gran Bretagna. Ma Lowestoft ha votato pesantemente per Brexit e Joseph Conrad fa parte della catena di pub JD Wetherspoon, il cui presidente, Tim Martin, era un convinto sostenitore dell’uscita. Ci si può solo chiedere quale accoglienza riceverebbe oggi un Konrad Korzeniowski appena arrivato.

Rileggere Joseph Conrad

 

 

Il Joseph Conrad pub di Lowestoft, UK

 

 

Illustrazione di copertina di Bill Bragg

 

Altri articoli:

Joseph Conrad, il cinema impossibile

Incontrare Kurtz

Rileggere Joseph Conrad

 

 

The Dawn Watch: Joseph Conrad in a Global World di Maya Jasanoff è pubblicato da William Collins . Per ordinare una copia per £ 21,25, visitare il sito Web guardianbookshop.com

 

 

4 lettori hanno messo "mi piace"
Print Friendly, PDF & Email
Share:

Leave a reply

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux