le storie

Quel filosofo difficile

Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile

La Germania ha difficoltà ad amare Hegel 250 anni dopo la sua nascita. Nuovi libri cercano di alleggerire la reputazione intimidatoria del “più difficile” filosofo tedesco.

 

di Philip Olterman
dal Guardian
(Traduzione Redazione Modus)

 

Nel marzo 1807, a 36 anni, un imponente gigante della filosofia tedesca stava lottando per venire a patti con una crisi di carriera.

Con un figlio illegittimo da mantenere e un’eredità patrimoniale esaurita, George Wilhelm Friedrich Hegel era stato licenziato da un posto accademico non retribuito ed aveva accettato un lavoro come redattore presso un giornale locale a Bamberg, dove stava compilando rapporti sulla caccia reale al cinghiale. Solo una caffettiera appena acquistata offriva brevi brividi contenenti caffeina.

A peggiorare le cose, suoi amici gli  inviarono i primi pareri sulla sua magnum opus di 600 pagine recentemente completata, Fenomenologia dello spirito. La trovarono difficile.

 

L’uomo che Bertrand Russell in seguito descrisse come “il più difficile da capire dei grandi filosofi” rispose con un raro momento di insicurezza. A volte, ammise, era “più facile essere sublimemente incomprensibili che essere comprensibili in modo banale”.

Gli anni umilianti di Bamberga hanno un posto di rilievo in tre nuove biografie pubblicate in Germania intorno all’attuale 250° anniversario della nascita, tutte alla ricerca di fessure nell’armatura intellettuale di Hegel che per anni ha messo in soggezione la vita pubblica tedesca.

 

Perché nonostante una serie di saggi e numerosi eventi commemorativi, come la riapertura della sua casa natale di Stoccarda diventata museo, celebrino la sua rilevanza, la formidabile difficoltà e la densa eredità politica di Hegel lo rendono difficile da abbracciare per i tedeschi moderni.

Ciò che mi ha sorpreso e soddisfatto allo stesso modo durante la mia ricerca è stato scoprire  che Hegel aveva un CV molto tortuoso e non lineare“, ha detto Sebastian Ostritsch, accademico presso l’Università di Stoccarda e autore del recente Hegel: Il filosofo globale.

Mentre il suo amico filosofo Friedrich Wilhelm Joseph Schelling, uno studente coinquilino a Tubingen insieme al poeta Hölderlin, fu nominato professore a 23 anni, Hegel non ottenne una cattedra fino alla metà dei suoi ’40, dopo aver lasciato la sua breve digressione nel giornalismo e aver accettato un incarico accademico ad Heidelberg.

 

Bamberga, dove Hegel divenne direttore di un giornale locale.

 

Durante il suo periodo di scribacchino, l’intellettuale nato a Stoccarda scrisse un breve saggio inedito che non solo sfidò la sua reputazione di prolisso, ma affrontò una frequente lamentela sulla sua filosofia: “Chi pensa in modo astratto?” chiedeva nell’omonimo saggio. La sua risposta: “Gli ignoranti, non gli istruiti“.

Un pregiudizio comune è che Hegel sia un filosofo astratto“, ha detto Ostritsch al Guardian. “In effetti è l’opposto: un filosofo che evita d’ingabbiare idee o persone […] Nella nostra epoca, il pensiero stereotipato e le argomentazioni di parte dominano incontrastati. Hegel avrebbe liquidato questo come un  pensiero astratto di cattiva qualità.

La visione  della storia di Hegel, vista come un progresso non lineare ma apparentemente inevitabile, fu, più tardi abbracciata e adattata fermamente da Karl Marx, guadagnandogli per questo  in alcuni ambienti una reputazione proto-socialista. Altri hanno visto nelle idee di Hegel sull’individuo e sullo Stato i semi dei capitoli più oscuri del totalitarismo del ventesimo secolo.

 

Dresda, 1945

 

Di conseguenza è probabile che pochi politici tedeschi contemporanei evochino la nozione  del weltgeist di Hegel – una forza invisibile che fa avanzare la storia del mondo – con il gusto del presidente francese, Emmanuel Macron, che ha scritto una dissertazione universitaria sul filosofo. È più facile che Angela Merkel citi Karl Popper, un noto anti-hegeliano.

Per Klaus Vieweg, filosofo dell’Università di Jena e autore di un’altra biografia, Hegel: Filosofo della libertà, si tratta di un malinteso “disastroso” causato da numerosi fraintendimenti. Per lui Hegel non era né un rivoluzionario occulto né un paladino del controllo statale, ma un moderato politico il cui equilibrio tra le preoccupazioni economiche e sociali non è mai stato così rilevante come in questi tempi di pandemia.

 

Hegel ha abbozzato una visione contraria al rapace capitalismo di Wall Street che rimane altamente rilevante“, ha detto Vieweg. “Credeva nel mercato come base indispensabile per la nostra società, ma pensava anche che i principi dominanti di uno Stato moderno dovevano essere qualcos’altro: libertà, giustizia e sostenibilità”.

L’immagine di un pensatore strettamente legato ad una visione di inevitabile progresso era erronea, dice Vieweg: “Hegel era un ottimista, ma mai un ottimista ingenuo. Dopo la rivoluzione francese, era convinto che l’idea di libertà potesse essere messa nella testa delle persone, ma non ha mai creduto che ciò avrebbe inevitabilmente portato a una società più libera “.

Eppure nel clima sociale del 2020 anche un mite ottimismo hegeliano sembra una grande richiesta, come ha scritto il commentatore Andreas Rosenfelder in un lungo articolo per il quotidiano tedesco Die Welt, in prima pagina con la promessa “Questa domenica capirete Hegel“.

 

"Questa domenica finalmente capirete Hegel" promette il giornale Die Welt.

 

 

L’età presente sembra una guerra aperta tra ragione e realtà, ha scritto Rosenfelder. “Nell’anno hegeliano del 2020, questo contrasto viene messo in rilievo in modo più netto con ogni discussione su Twitter, ogni ondata di pandemia, ogni campagna elettorale di autocrate. Il mondo sta lentamente impazzendo e possiamo solo guardare da bordo campo “.

Hegel non solo presenta il problema, ma può anche fornire una soluzione, sostiene l’articolo. In tempi di teorie del complotto e bolle di filtraggio**, il metodo del pensiero di Hegel – la dialettica – può diventare una sorta di auto-aiuto intellettuale. O come riassume Jürgen Kaube  nella terza biografia che sarà pubblicata questo agosto, “Il pensiero è efficace“,  il messaggio centrale del filosofo: .

All’inizio di questo mese, il comico tedesco Florian Schroeder ha dato un esempio di come si potrebbe fare quando a Stoccarda, città natale di Hegel,  è salito sul palco di una protesta degli scettici sul coronavirus

In un video dell’evento che da allora è diventato virale, il comico affronta la folla di centinaia di persone che mettono in dubbio l’esistenza del Covid-19 e sospettano che le maschere facciali facciano parte di un complotto per mettere a tacere le loro opinioni critiche, dicendo loro che voleva parlare. E’ questa ‘idea di dialettica per Hegel, un metodo di argomentazione che si basa su un processo contraddittorio tra parti opposte.

La libertà non significa essere irresponsabili. La libertà che si esprime solo come irresponsabilità è la fine della libertà “, ha detto Schroeder, mentre i fischi aumentavano. “Libertà significa che devi soffrire qualcuno come me. Questa, amici miei, è dialettica.

Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile

 

 

Il paradosso di Russell

La notte dei filosofi viventi

Friedrich Hölderlin, il genio folle

 

 

Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile Quel filosofo difficile

 

 

**  Il termine “bolla di filtraggio” (“filter bubble” in inglese) è stato ideato dall’attivista Eli Pariser e utilizzato nel libro “The Filter Bubble: What the Internet Is Hiding from You”.
Questa espressione fa riferimento alla conseguenza dei sistemi di personalizzazione dei risultati delle ricerche; quando gli utenti fanno una ricerca su alcuni siti, questi utilizzano le loro ricerche precedenti per offrirgli i risultati che gli utenti desiderano leggere (quelli in linea con il loro pensiero, in base alle risposte che hanno scelto in precedenza).
Sebbene la bolla di filtraggio sia l’espressione di un fenomeno ampio, la si può ritrovare in particolar modo sulle piattaforme social: per fare in modo che gli utenti visualizzino sul loro feed notizie rilevanti ed interessanti, gli algoritmi scelgono i contenuti simili a quelli con cui gli utenti di solito interagiscono.
In questo modo le persone si ritrovano in una sorta di bolla nella quale hanno accesso solo a informazioni che non fanno altro che confermare ciò che già pensano, mentre vengono scartate tutta una serie di risorse che potrebbero mettere in discussione il loro punto di vista ed essere utili per fare un’analisi più critica di una certa situazione (un meccanismo simile a quello che entra in azione quando si manifesta un bias cognitivo).
Il termine bolla di filtraggio è spesso utilizzato insieme a quello di echo chamber (camera dell’eco); sono infatti due concetti che si sovrappongono in diversi punti.

 

da BlogAxura

3 lettori hanno messo "mi piace"
Print Friendly, PDF & Email
Share:

Leave a reply

WordPress Appliance - Powered by TurnKey Linux